Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy clicca LEGGI, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente


Ninne – Nanne

Dimensione carattere

Ninne – Nanne tratte dal volume “POZZUOLI, storia, tradizioni e immagini” a cura di Gianni Race, della collana Comuni della Campania edita da Nuove Edizioni.

 

 

 

 

Ninne – Nanne

 

 

Ninna nanna, che è arrivata l'ora,

 è cumpagnielle rormeno e tu no.

 Ih! quanno me piace chistu suonno:

i' preco a Maronna pe' t'addurmì,

 pecchè aggie fa e fatte mie.

 Stu rurmiglione ih! quann vo' rurmì,

 vi' quann me piace lu tu' suonno

 due angliulille accanto a vuie avite,

 Maria Matalena che t' addorme.

 Vurrie sapè chi à avuto tant' ardì

 pe' scetà stu ninno da lu suonno.

 Ruorme, nennillo mio, ruorme e repose,

 i' ca da forza te canta e tu t' adduorme.

 

_______________ 

 

Sant Nicola nun vuleva canzone;

Sant Nicola alla taverna ieva:

era vigilia e nun se la cumperava.

Disse a lu tavernare: avite niente?

Tengo nu varricchiello 'e tunnunelle,

tant ch'è bello che nun se po' magnà.

Sant Nicola se fece la roce,

e tre bambini fece resuscetà.

Che priezze fecero 'e mamme

quanno verettero 'e figlie mmiezo a casa!

Santu Nicola, vienetenne,

famme stu figlio sant comme a tte.